Enrico Pighi di CremonArena: “Boom alla riapertura: la gente aveva voglia di sport”

Giorgio Barbieri ha fatto due chiacchiere con Enrico Pighi titolare di CremonArena, la straordinaria struttura per tennis, padel e beach volley che si trova in piazza Atleti Azzurri d'Italia.

“Ho chiuso gli impianti sportivi l’8 marzo e li ho riaperti il 4 maggio”. Così Enrico Pighi titolare di CremonArena, la straordinaria struttura per tennis, padel e beach volley che si trova in piazza Atleti Azzurri d’Italia inaugurata il 12 settembe 2018. Un vero e proprio paradiso per chi vuole praticare sport in perfetta sicurezza. “Quando è arrivato il coronavirus e il governo ha deciso di chiudere tutti gli impianti sportivi mi sono attenuto alle disposizioni e ho messo il catenaccio all’ingresso. Per due mesi sono rimasto chiuso in casa come tutti gli altri. Credo anche, ma me ne sono accorto dopo, di avere contratto il virus in forma leggera. Comunque siamo stati fermi in attesa delle indicazioni governative. La riapertura è stata all’inizio parziale e poi, pian piano tutto è tornato alla normalità. Anche se io sono convinto che il virus possa ancora fare del male”.

“Ho riaperto all’inizio per i più bravi tennisti, quelli che lo fanno a livello agonistico. Poi via anche agli amatori che giocano per divertimento e per tenersi in forma. Io mi sono attenuto alle regole e, visto che il nostro campo di tennis coperto è aperto sui lati abbiamo dato la possibilità di giocare anche il doppio. Successivamente è arrivato il via libera per il padel, uno sport che sta esplodendo sempre di più in Italia. Infine è arrivato anche l’okay per il beach volley. Io che sono uomo di sport non capisco perchè il calcio ha potuto riprendere e il beach volley no. Il primo è uno sport di contatto, il secondo no. E qui parliamo del due contro due. Comunque abbiamo messo in atto tutte le procedure previste dai protocolli come il controllo della temperatura, gli spazi distanziati, mascherina indossata all’ingresso. Sino a pochi giorni fa non si poteva fare la doccia e quindi i clienti erano costretti a tornare a casa tutti sudati per potersi lavare”.

Pighi comunque è soddisfatto della ripresa. “Alla riapertura degli impianti c’è stato un vero e proprio boom. La gente aveva bisogno di sfogarsi dopo il periodo drammatico del lockdown, aveva voglia di correre e di divertirsi. E comunque sta andando ancora bene: ho confrontato le presenze del luglio 2019 e quelle di adesso e devo dire che i numeri sono buoni. E siamo anche riusciti ad aprire un bar grazie a due ragazzi che si sono impegnati. Un servizio in più per gli sportivi cremonesi”.

Enrico Pighi con Laura Golarsa a CremonArena
© Cremona Si Può! | LAB 2020, All rights reserved